© 2017 by TWOPIANOSPROJECT

  • Facebook Social Icon

JOHANNES BRAHMS

​Symphony no.1 in C minor op.68

Arr. for two pianos, four hands, by Robert Keller (1828-1891)

World premiere recording

Symphony no.2 in D major op.73

Arr. for two pianos, four hands, by Robert Keller (1828-1891)

World premiere recording

SYMPHONIES FOR TWO PIANOS

 

 

Symphony no.3 in F major op.90

Arr. for two pianos, four hands, by Johannes Brahms

Symphony no.4 in E minor op.98

(Arr. for two pianos, four hands, by Johannes Brahms)

 

 

Universal Classics & Jazz 2010

"Chi vuole farsi un’idea di come Brahms costruì le sue quattro sinfonie attraverso un uso sapiente, metodico, perfettamente equilibrato delle leggi armoniche, [...] può farlo attraverso l’ascolto nell’esecuzione che due giovani e valenti pianisti italiani, Matteo Fossi e Marco Gaggini, hanno realizzato nella trascrizione per due pianoforti. [...] Matteo Fossi e Marco Gaggini sono capaci di coinvolgere l’ascoltatore, introducendolo intimamente alla ricchezza e alla complessità di questi perenni capolavori sinfonici".

(Linea, Andrea Benedetti)

"Certo le quattro partiture sono autentiche con l’orchestra: ma la lente di rimpicciolimento dei due pianoforti le rende altrettanto interessanti, solide e sontuose (grazie alla coppia che le suona benissimo: con gusto e qualità coloristico-strumentale non comuni) e nello stesso tempo diverse. Come ascoltarle simultaneamente due volte: con la memoria e con l’orecchio. Un (doppio) regalo e piacere".

(Suonare news, Angelo Foletto)

"Qui non si tratta però solamente di una curiosità: Fossi e Gaggini suonano davvero molto bene e leggono le sinfonie con grande partecipazione interpretativa dimostrando non soltanto una grande affinità con il pensiero brahmsiano ma anche una conoscenza della storia dell’interpretazione di questi capolavori nella loro versione originale".

(Classic Voice, Luca Chierici)

"Per loro eseguire le quattro sinfonie di Brahms nella versione per due pianoforti è soprattutto un modo per scoprirle da un diverso punto di vista. Il risultato sono interpretazioni solide e lucide".

(Musica, Luca Segalla)

FIND OUT MORE IN OUR BOOKLET:

1/10